06
Giu

La semifinale di Incipit Offresi a Fiorfood

“La debolezza è una voce leggera che canta una deliziosa ninnananna, che racconta il miraggio di un futuro migliore, che invita ad aspettare il proprio turno di felicità. La debolezza è il cammino più semplice, lastricato di bugie e occasioni perdute. È il tempo perso a guardare il soffitto. È smettere di correre al rumore in lontananza di un treno che parte. La debolezza può affliggere chiunque. Il ricco e il povero, il buono e il cattivo, il bello e il brutto. È un momento di crisi che può andare avanti anni ma che non dura per sempre. Per la sua natura drammatica e il senso di sconfitta che si porta appresso, è una condizione di profondo disequilibrio, che non può non condurre a un cambiamento, verso due ipotetici finali. La morte o la rivoluzione.”

Non un inizio casuale, si tratta dell’incipit de “La Debolezza dei Supereroi” proposto da Gianluca Orrù, vincitore di questa quarta edizione di Incipit Offresi, il primo talent letterario itinerante dedicato agli aspiranti scrittori, ideato e promosso dalla Fondazione ECM – Biblioteca Archimede di Settimo Torinese e da sempre sostenuto da Nova Coop.

Prima della finalissima, disputata al Salone Internazionale del Libro di Torino sotto la guida di Neri Marcorè, una delle due semifinali del concorso è stata ospitata a Fiorfood. Lo Spazio Lux si è trasformato in una vera e propria arena con tanto di giuria critica, pubblico munito di palette e, soprattutto, un grande cronometro pronto a scandire, inesorabile, i pochi secondi a disposizione dei concorrenti per convincere i presenti della bontà della propria opera.

L’obiettivo di Incipit Offresi, infatti, è proprio quello di dare la possibilità ad un aspirante scrittore di pubblicare il proprio libro inedito, ma dall’altra parte è anche quello di creare una relazione diretta tra scrittore ed editore, facilitando la scoperta di nuovi talenti.

Se dopo queste premesse state immaginando una serata seria e composta, siete completamente fuori strada. Alla conduzione, gli attori di B-Teatro, associazione culturale torinese attiva nell’ambito dell’improvvisazione teatrale, che hanno dato vita ad un vero e proprio spettacolo di intrattenimento, divertente, esuberante e mai scontato.

Spettacolo sì, ma soprattutto una battaglia a colpi di incipit che ha visto il trionfo di 3 aspiranti scrittori: Gianluca Orrù, che è riuscito anche a strappare la vittoria definitiva con il suo “La Debolezza dei Supereroi”, Alessandro Cerutti e Cecilia Ventigeno.

Il tutto condito da un’atmosfera di festa e da tanta voglia di sognare in grande.

Al termine di questo viaggio emozionante, i numeri testimoniano il grande successo di questo evento letterario: 6 mesi di selezioni, 15 appuntamenti nelle biblioteche del Piemonte con un’incursione a Roma, 2.560 chilometri percorsi, più di 150 iscritti, 121 scrittori in gara.

Leave a Reply